Chiese di Gavoi

La Chiesa della Madonna D’Itria a Gavoi (NU)

IL CULTO 33 Origine – Le prime notizie relative alla venerazione della Madonna d’Itria risalgono ad un’antichissima tradizione secondo cui un quadro della Madonna col bambino avrebbe suscitato una speciale devozione nel cuore di molti fedeli. Questo quadro sarebbe stato dipinto da S. Luca quando era ancora in vita Maria SS.ma. San Giovanni Damasceno, a tal proposito, così scriveva: “Imago Beatae Mariae quae habebat in brachio infantem Jesum, quam depinxerat in tabula S. Lucas, ut dicitur; cum adhuc viveret Maria.” Attraverso una serie di vicende sconosciute, la tavola dipinta da S. Luca sarebbe stata portata da Gerusalemme a Roma e consegnata nelle mani di S. Silvestro, che fu Papa dal 314 al 337. Il Santo Pontefice avrebbe fatto donazione del suddetto quadro all’imperatore Costantino, che poco tempo prima aveva concesso la libertà di culto ai cristiani. Avendo trasferito la capitale dell’Impero da Roma a Bisanzio, che da allora fu detta Costantinopoli, in essa l’imperatore espose alla venerazione dei fedeli l’immagine di Maria, il cui culto fiorì prodigiosamente sotto il titolo di Maria d’Egitto. Più tardi, l’imperatrice Eudossia, moglie dell’Imperatore Teodosio il Giuniore, le avrebbe edificato una chiesa di fronte al palazzo imperiale, sulla spiaggia, vicino a S. Sofia. Da allora [leggi tutto]