Era quaternaria (1,8-0,0 Ma)

Il mare ed i torrenti, con la loro attività erosiva e d’accumulo, determinano in quest’era l’attuale configurazione dell’isola, già impostata nelle sue grandi linee durante il Pliocene.
Numerosi centri vulcanici, di cui alcuni attivi fino a 140 mila anni fa, danno luogo a campi di lava basaltica e a piccoli coni di scorie in Logudoro.
Almeno una trasgressione marina, quella tirreniana, da 150 mila a 70 mila anni fa, invade le coste della Sardegna e le due estremità del Campidano fino a 10-15 m d’altitudine, isolando il Sinis e qualche altra piccola penisola. Il livello attuale del mare può considerarsi ormai pressoché stabile da almeno 5000 anni.